14 settembre 2012

Lumiere de Normandie -estate 2012


Ed eccoci al post conclusivo, le vacanze sono quasi finite e rimane da raccontare solo l'avventura a casa di Asterix e Obelix.
Includerò qui anche la settima tappa, ovvero il rientro passando nuovamente per Digione, ma sarà poca cosa.

E quindi.. dove eravamo rimasti :
sveglia e colazione a St Witz, la giornata è nuovamente magnifica e noi gongoliamo.
Tempo perfetto per una giornata al Parc Asterix!












Sfogliando una rivista gratuita ,presa per caso ,troviamo una riduzione per l'ingresso e ne siamo ben felici poichè il biglietto costa  44 euro a persona, escluso il parcheggio.

Ecco, prima di lasciarvi a qualche foto avrei un paio di note generali che mi sento di condividere.

A differenza dei moltissimi altri parchi tematici francesi, questo è davvero caro per quel che offre.
Si paga il parcheggio, circa 8 euro per la giornata, si pagano alcune strutture interne e ogni cosa venduta all'interno del parco ha un costo spropositato. Inoltre le giostre sono poche, c'è sempre molta coda che scorre lentamente e le attrazioni sono in gran parte adrenaliniche . Quelle che non lo sono..beh, diciamo che sono un po' noiose.
Pensando di trovarsi a mezz'ora di macchina da Disneyland Paris , le cui cifre sono decisamente diverse e i cui pacchetti offrono soluzioni molto vantaggiose, ci si chiede perchè qui le cose vadano diversamente.
Non saprei, forse è per via del "marchio" poichè questo parco è esclusivo e ripropone fedelmente ogni piccolo dettaglio dei celebri fumetti, o magari perchè il parco è ancora piuttosto giovane...
Chissà...

Fatto sta che noi ,dopo queste prime riflessioni, ci dimentichiamo di tutto e ci godiamo la giornata .
Tutto fa parte delle vacanze e lo prendiamo come viene :)

Il parco è diviso in "univers", una sorta di zone relative all'epoca delle avventure di Asterix e Obelix.
Qui vi lascio la cartina in formato abbastanza grande per poterle vedere tutte, cliccate la foto e fateci un giro ^^













A me, visivamente, è piaciuto praticamente tutto poichè i dettagli si sprecano :)
C'è la Gallia, con l'accampamento di Piccolo Bono e il villaggio di Asterix dove incontrare i personaggi.
C'è l'Egitto, con le piramidi storte e altri palazzi progettati da Numerobis, l'architetto di Cleopatra.
C'è l' antica Roma con il Colosseo dove Cesare cercherà di reclutarvi per combattere.
C'è una parte medievale ,che poco centra con Asterix ma che si fonde con alcune costruzioni che ricordano Parigi , ci sono botteghe di ogni genere, una libreria e diversi punti ristoro.
Insomma, ogni angolino è buono per fare una foto ed il bello è che ci si trova immersi nei boschi :)



































































































Noi trascorriamo tutta la giornata tentando anche di provare qualche attrazione ma le code sono davvero estenuanti e sotto il sole ,che oggi picchia davvero forte !
Infine, prima di uscire, facciamo un giro dei negozi e portiamo via diversi regalini per le famiglie e qualcosina anche per noi ;)

Sera in hotel ,giornata successiva moooolto tranquilla con visita dei dintorni di Senlis e Chantilly ( ed il suo enorme castello !)












,altra notte a Senlis e poi bagagli.

Ci aspettano molti chilometri di "discesa" per rientrare a casa...sigh,le vacanze sono praticamente finite!
Trascorriamo una mezza giornata di viaggio per arrivare a Digione ,dove sosteremo per due notti prima di rientrare in Italia.
Il F1 di Digione Sud si rivela prezioso, circondato di centri commerciali e negozi di ogni genere dove riempire la macchina di spese varie, fare rifornimento di gas e comprare ancora qualcosina per chi ci aspetta a casa.

Mr Baggins è sfinito, ha guidato per circa 3500 km e sfrutta le ultime risorse per il viaggio di rientro.
Io mi godo gli ultimi scorci di Borgogna con le lacrime agli occhi e non ho il coraggio di parlare.
Ci guardiamo e sospiriamo.

Vacanze come queste prendono il cuore ed il rientro è sempre più difficile.
I grandi spazi aperti, la tranquillità dei luoghi ,le pecorelle dal musetto nero, il vento, i gabbiani, i colori dei fiori ...tutta la serenità che si vorrebbe poter impacchettare e portare a casa per i lunghi mesi invernali.
Fortunatamente un piccolo evento inaspettato chiude il nostro giro in terra di Francia con un sorriso :)
Nella campagna scorgiamo un ufo caduto in un campo e subito andiamo a curiosare...







appena qualche minuto e accorrono tante mucche bianche a difendere la zona, muggiscono fortissimo, una di seguito all'altra ,come in una sorta di eco, e ci costringono ad andare via.
Quell'ufo è davvero importante  ;)

Ancora diverse ore e siamo a casa. Io, ovviamente, medito già nuove vacanze :)




Nessun commento:

Posta un commento

ciao ! grazie per il tuo commento :)