23 ottobre 2016

Palette d'Ottobre #05

Il blog prosegue nei suoi scatti autunnali dedicati alla Magia, per sognare e farvi sognare, e nel farlo si affida oggi alle pozioni magiche.













Provate a sedervi ed immaginate…
Figuratevi una giornata d'ottobre di pioggia ,fine ma incessante.

L'aria è pregna d'umidità e siete appena rientrati dalla vostra passeggiata nel bosco.
Eravate in cerca di una fonte limpida dalla quale raccogliere l'acqua piovana mista a quella di sorgente e siete riusciti nel vostro intento.
Avete raccolto proprio quella perché sapete che è la migliore, in parte distillata ed in parte viva e filtrante dalla roccia.
Ora siete a casa.
Vi togliete il mantello e lo appendete ad asciugare accanto al fuoco mentre versate dell'acqua nel paiolo. Nell'attesa che inizi a bollire aprite accanto a voi il libro degli incantesimi, ponendo sul tavolo anche alcune boccette vuote.
Infine vi preparate a raccogliere tutta la vostra concentrazione perché questo sarà un lungo pomeriggio impegnato.

State per preparare una pozione magica.










Pian piano l'acqua bolle e man mano che la versate nelle boccette il profumo delle erbe riempie la stanza. Prima avvertite qualche nota dolce e speziata di camomilla e cannella, poi giunge l'aroma pungente della salvia misto al limone e ,per ultimo, arriva l'odore purificante del rosmarino.

Tutto è pronto ed anche se fuori la pioggia batte ancora sui vetri voi siete al caldo ,accanto alla legna che scoppietta nel camino e con il libro aperto illuminato dalla luce di una sola candela bianca, esattamente come prevede l'incantesimo.

Tempo fa ,un viandante di passaggio e proveniente da est vi ha donato una preziosa gemma fatta di erbe insieme al consiglio di esporla a lungo ai raggi lunari prima di utilizzarla e così avete diligentemente fatto, proprio per prepararla a questo momento .












Pronunciando chiaramente la formula magica ,versate un po' d'acqua bollente in un bicchiere di vetro e vi poggiate dentro la gemma. Quindi attendete, raccogliendo a voi tutta l'energia proveniente dall'odore delle piante infuse e che ora pervade l'ambiente quasi fino a saturarlo.
Attendete, ad occhi chiusi.
Attendete ancora e intanto recitate l'ultima parte del vostro incantesimo, sempre ad occhi chiusi.
Poi qualcosa vi coglie.



E' un odore nuovo e sconosciuto, dolcissimo.
Ancora ad occhi chiusi vi chinate sul tavolo e respirate in profondità le note calde che salgono dal bicchiere.

Bravi! Avete compiuto perfettamente il vostro primo rito d'autunno e finalmente potete guardare.
In un attimo la meraviglia vi avvolge poiché un piccolo fiore è sbocciato nell'acqua !




















Questo vi rassicura e vi convince della riuscita della vostra prima pozione, quindi la filtrate in una boccetta ambrata e la serbate per il prossimo plenilunio quando il viandante tornerà chiedendovi di raccontare la vostra esperienza e voi sarete lieti di condividere con lui ogni momento.

Infine, per tenere memoria di questa magia, conservate il fiore profumato facendolo essiccare al sole.





Ovviamente questo non è che un semplice e breve racconto ma spero che vi abbia tenuto compagnia per un po' facendovi godere meglio delle foto.

Nell vita ci sono tante bellissime e piccole magie ,il più sarebbe fermarsi a guardarle e riconoscerle e questo è quel che cerco di fare io quando ritaglio del tempo con la mia Reflex, senza nessuna pretesa.

Un abbraccio e buona Magia a tutti :)

4 commenti:

  1. AAAAAAAH questo mi è piaciuto tantissimo!!!!!! Che bella idea il racconto / meditazione. Mi sono sentita un po' maga. Bellissimo. Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) ne sono felice :) Grazie a te per il tuo affetto <3

      Elimina
  2. Che meraviglia :) è bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ari ! Il blog ultimamente è piuttosto solo e perciò fa piacere sapere che qualcuno lo legge ed apprezza :)

      Elimina

ciao ! grazie per il tuo commento :)