15 luglio 2010

la France dans le coeur 2


Il nostro viaggio in Francia è un misto di desideri e posti diversi che in 3 vogliamo vedere.

La Bretagna è in cima alla lista perchè io voglio andare nei "luoghi di Merlino e Viviana".
Poi si aggiunge la Normandia dove c'è Mont St Michel che attrae mia madre e me e dove mio papà vuole vedere le famose spiagge dello sbarco americano.
Infine ,venendo da Torino, optiamo per qualche sosta in Borgogna, lungo la strada per lasciarci sedurre dal fascino delle cattedrali.

Prima della partenza ci documentiamo bene, studiamo un percorso a tappe per dormire , prenotiamo gli hotels e ci facciamo mandare la documentazione dagli uffici del turismo di tutti i posti che ci interessano.
In Francia ogni cittadina, anche piccola, ha il suo ufficio del turismo che in due giorni ti fa avere per posta cartine varie e info su dove mangiare, cosa vedere etc.
Non c'è niente da fare, quanto a turismo i francesi sono davvero dieci passi avanti.

Tutto è pronto e si parte!
Alle 6 di mattina siamo in macchina e raggiungiamo Cluny, dove vediamo l'abbazia in restauro e mangiamo qualcosina passeggiando per le stradine assolate.
Fa molto caldo ma all'ombra si respira.

La sosta in Borgogna nasce dal nostro desiderio di vedere alcuni "luoghi dello spirito" che si trovano lungo il Cammino di Santiago di Compostela e che parte da Vezelay.
Vorremmo arrivare anche lì e a Taizè ma il viaggio è lungo e dobbiamo scegliere.
La nostra meta in realtà è la Normandia e purtroppo non possiamo fermarci molto.
Così , dopo Cluny, andiamo solamente a Fontenay a vedere la meravigliosa l'abbazia con il suo grande giardino.



Fontenay si trova vicino ad Auxerre e si raggiunge tramite una stradina nascosta nel verde.
Non vi perdete d'animo se vi pare di non arrivare mai, in realtà basta solo pazientare.
Attualmente Fontenay è di proprietà privata ma è visitabile e il costo del biglietto vale davvero la visita.
L'abbazia e tutto il complesso intorno hanno subito molte ristrutturazioni che l'hanno riportata alla sua bellezza originaria. Solo vedendola vi renderete conto di quanto l'uomo sia piccolo nei confronti dell'essenza di Dio.
Sia che siate credenti o meno, l'imponenza e la pace di tutti i luoghi di culto della Borgogna suscitano comunque una grande emozione, credetemi.

Inoltre l'abbazia è un'ottima sosta per riposare un po' al fresco immersi nel verde :)

E' quasi sera e fa ancora caldo ma noi dobbiamo ripartire per Auxerre ,dove dormiremo.
La notte è afosa e il mattino seguente il cielo è coperto e pioviggina.
Pazienza, noi siamo diretti a Guedelon per vedere il cantiere medievale e siamo attrezzati di ombrello e giubbetto antipioggia :)
Ci perdiamo un po' lungo le strade che si snodano nella foresta di St-Fargeau e arriviamo al parcheggio alle 10, orario d'apertura!
Facciamo il biglietto e, varcando un portone di legno, ci troviamo immersi in pieno Medioevo.



Fra le fronde degli alberi ci sono case di legno e paglia dove artigiani lavorano la pietra, il legno, il ferro e costruiscono un castello esattamente con le tecniche ed i materiali del 1200.
I lavori sono iniziati nel 1997 e contano di finire nel 2025. Tutto è visitabile e anche qui non vi pentirete di aver pagato l'ingresso.
Gironzoliamo per il cantiere per diverse ore ammirando la cura dei dettagli del lavoro manuale e preciso dei carpentieri.
Piove ma è poco importante, la pioggia contribuisce solo ad aumentare la bellezza della luce e la brillantezza del verde.
Oltre al ticchettio della pioggia sugli alberi si sente solamente il rumore degli scalpelli e lo starnazzare di alcune oche. Pare davvero d'essere fuori dal mondo.
E la sensazione è meravigliosa.





La terra scura e rossiccia della zona si mescola con il giallo dell'ocra sciolta dalla pioggia e forma contrasti di colore affascinanti.
Ricordate di indossare delle scarpe da ginnastica che non avete paura di rovinare ,il terreno diventa un po' fangoso, siamo pur sempre in un cantiere nel bosco :)
E' ormai ora di pranzo e ,volendo, potremmo mangiare alla locanda che si trova nel cantiere ma preferiamo proseguire verso la prossima tappa : Chartres, altra tappa del famoso Cammino.
Mangiamo al volo, giusto per recuperare energia, e nel pomeriggio avanzato siamo in città.

Chartres si rivela un piccolo gioiello quasi arroccato su un monte.




Le stradine della città vecchia salgono tortuose fino alla cattedrale ed è delizioso fermarsi di tanto in tanto ad osservarla diventare sempre più vicina.
.
Facciamo un giro fra le case ed i negozi , poi rientriamo in hotel per la cena e ci teniamo la visita alla cattedrale per il mattino seguente. Ottima idea poichè il giorno successivo il cielo è limpido e la luce è accecante.



Scatto alcune foto all'esterno e poi entro.

Mi bastano pochi secondi per rimanere a bocca aperta e ritrovarmi letteralmente con le lacrime agli occhi.
La cattedrale è magnifica e pare quasi impossibile che abbiano potuto lavorare il marmo con una tale precisione. Ci sono decori piccolissimi e dettagliati e le vetrate sono imponenti e coloratissime.
La facciata esterna ed alcune vetrate sono appena state ripulite e la luce brillante che filtra non ha nulla a che vedere con l'idea buia e scura che abbiamo noi delle chiese antiche.
C'è tantissima luce riflessa dal marmo bianco e i colori dei vetri sembrano vibrare. Uno spettacolo per gli occhi e per il cuore.
E' il posto dove tutte le preghiere vengono ascoltate e dove io mi sento per la prima volta "a casa mia", ho l'animo sereno, il cuore gonfio e le mani che non riescono a scattare più nemmeno una foto. Sono FELICE.
Mio papà scatta una foto a me e mia mamma , penso sia la più bella foto che ho da quando ero bambina. Siamo a Chartres, insieme !

A parte le considerazioni strettamente emotive e personali devo ammettere che, vedere il lavori di restauro VERAMENTE attuati fa venire voglia di lasciare un'offerta e fa riflettere ancora una volta sul fatto che fuori dall'Italia è tutto un'altra cosa.

Con la gioia nel cuore e il sole negli occhi torniamo alla macchina per riprendere la strada, stavolta si sale fino a Caen!

Al prossimo post per il resto del viaggio :)

1 commento:

  1. Sembra di essere fuori dal mondo, che posti meravigliosi.

    RispondiElimina

ciao ! grazie per il tuo commento :)